«La notte impone a noi la sua fatica magica.
Disfare l’universo, le ramificazioni senza fine di effetti e di cause che si perdono in quell’abisso senza fondo, il tempo.»
Jorge Luis Borges
(Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986)