«Ma tutto è eterno per chi passa, anche il nome udito una volta.»
Alfonso Gatto
(Salerno, 17 luglio 1909 – Orbetello, 8 marzo 1976)